Expandmenu Shrunk

Grande Guerra

Durante la Guerra ’15-’18 uno dei fronti principali fu quello del Carso. Rimangono moltissime testimonianze di quel periodo storico.

Il Museo all’Aperto della Grande Guerra sul Carso permette di visitare le installazioni dell’epoca e  i monumenti dedicati a quei fatti.

 

 

Monte San Michele, Galleria Cannoniera della Terza Armata.

Complesso sotterraneo formato da più tunnel scavato dalla 20° compagnia del genio minatori tra il settembre del 1916 ed il giugno dell’anno successivo all’interno della Cima 3. La galleria è articolata su due rami principali e fu inizialmente voluta per ospitare otto cannoni di medio calibro (da 149 mm).

Cannoniera San Michele ingresso prevcopy

Sagrado (Gorizia). Ingresso delle restaurate cannoniere della Terza Armata sul Monte San Michele.

Cannoniera San Michele 02prevcopy

Sagrado (Gorizia). Le restaurate cannoniere della Terza Armata sul Monte San Michele.

Cannoniera San Michele 01prev

Sagrado (Gorizia). Le restaurate cannoniere della Terza Armata sul Monte San Michele.

Cannoniera San Michele 03 prevcopySagrado (Gorizia). Interno delle restaurate cannoniere della Terza Armata sul Monte San Michele.

Cannoniera San Michele 04 prevcopySagrado (Gorizia). Interno delle restaurate cannoniere della Terza Armata sul Monte San Michele.

 

 

Redipuglia (Gorizia). Dolina del XV Bersaglieri.

A poca distanza dal Sacrario di Redipuglia e dal Colle Sant’Elia si trova la Dolina del XV Bersaglieri. Contesa sin dalla I Battaglia dell’Isonzo, questa zona passò in mano italiana nell’ottobre del 1915 (III Battaglia dell’Isonzo) divenendo sede di un centro di prima medicazione e comando. Al suo interno si trovano ancora i ruderi del piccolo ospedale militare oltre ai resti di alcune baracche per i soldati e la fossa comune.

Dolina dei Bersaglieri_001_04 prevcopyRedipuglia (Gorizia). Dolina del XV Bersaglieri sul Monte Sei Busi.

Dolina dei Bersaglieri_002_02 prevcopyRedipuglia (Gorizia). Dolina del XV Bersaglieri sul Monte Sei Busi.

Dolina dei Bersaglieri_003_03 prevcopyRedipuglia (Gorizia). Dolina del XV Bersaglieri sul Monte Sei Busi.

Dolina dei Bersaglieri_004_03 prevcopy

Redipuglia (Gorizia). Dolina del XV Bersaglieri sul Monte Sei Busi.

Linea fortificata in cemento armato del Monte Sei Busi.

Il rilievo collinare del Monte Sei Busi si trova dietro al Sacrario di Redipuglia e nei pressi della Dolina del XV Bersaglieri. Ancora visibili le trincee in cemento armato che furono teatro di una dura battaglia nel luglio del 1915.

 

Trincee Sei Busi_001_06 prevcopyTrincee del Monte Sei Busi.

Trincee Sei Busi_002_03 prevcopyTrincee del Monte Sei Busi.

Trincee Sei Busi_003_04 prevcopy

Trincee del Monte Sei Busi.

Trincee Sei Busi_004_03 prevcopyTrincee del Monte Sei Busi

Trincea delle Frasche

L’ “Area delle Battaglie” fu la zona in cui vennero condotti i primi attacchi italiani alla linea asburgica nell’estate del 1915. Uno degli ostacoli maggiori per i soldati italiani durante i suoi primi assalti fu la Trincea delle Frasche. Venne scavata dall’esercito asburgico nei primi mesi di guerra e venne persa solo alla fine del 1915. Il nome lo si deve all’astuzia militare dei soldati ungheresi i quali utilizzarono dei rami per mascherarla e renderla meno visibile agli occhi degli osservatori e della ricognizione aerea.

 

 

 

Trincea delle Frasche_001_04 prevcopyTrincea delle Frasche.

 

 

 

 

 

Sacrario militare di Redipuglia.

Monumentale cimitero militare costruito in epoca fascista e dedicato alla memoria di oltre 100.000 soldati italiani caduti durante la Prima Guerra Mondiale.

 

Redipuglia pano_001_04 prevcopySacrario militare di Redipuglia (Gorizia).

Redipuglia pano_002_03 prevcopy

Sacrario militare di Redipuglia (Gorizia).

Redipuglia pano_003_03 prevcopy

Sacrario militare di Redipuglia (Gorizia).

Sacrario di Oslavia (Gorizia)

Località nei pressi di Gorizia, Oslavia è nota soprattutto per il sacrario dedicato ai caduti della Prima Guerra mondiale. Il sacrario fu costruito nel 1938 e presenta un imponente corpo centrale di forma cilindrica in pietra bianca, sulla sommità di una scalinata. Custodisce le spoglie di quasi 60.000 soldati, di cui circa 36.000 ignoti, morti nelle battaglie di Gorizia. Tra i caduti italiani che vi trovano sepoltura ci sono anche 13 medaglie d’oro, tra cui il generale Achille Papa, e il capitano Italo Stegher entrambi uccisi alla Bainsizza e sepolti al centro della cripta.

Ossario di Oslavia 03 def_02 prevcopy

Sacrario di Oslavia (Gorizia).

Ossario di Oslavia_001 prevcopy

Sacrario di Oslavia (Gorizia).

Monte Sabotino.

Il Monte Sabotino (609 m s.l.m.) è un monte al confine tra Italia e Slovenia, a nord di Gorizia. E’ il monte più alto della provincia di Gorizia. Viene ricordato come uno dei monti delle battaglie dell’Isonzo durante la prima guerra mondiale. Proprio durante il conflitto, sul monte Sabotino si mise in luce come abile stratega militare il giovane tenente colonnello Pietro Badoglio. Fino al Trattato di pace di Parigi del 1947 la montagna era interamente compresa nella provincia di Gorizia.  la linea di confine corre lungo la cresta del monte. Evidenti i cippi confinari che segnano il confine.

Sabotino_001_02 prevcopy

Monte Sabotino. I cippi indicano la linea del confine. Nella valle sottostante scorre il fiume Isonzo e di fronte si può notare il Monte Santo con il santuario mariano.  




top